Promesse elettorali? Al confronto Cetto La Qualunque è un realista

Intervista del Gazzettino a Davide Giacalone, in occasione dell’incontro che si terrà a Belluno sabato 20 gennaio alle 17.30 nella sala teatro del Centro “Giovanni XXIII”, in piazza Piloni. 

Elezioni in vista. Chi ha commesso più errori?

«Sulle riforme costituzionali ha sbagliato la destra e ha sbagliato la sinistra, entrambe provando a forzare la Costituzione e il suo articolo 138, per vestire, immeritatamente, i panni di riformatori della Repubblica. Renzi ha anche aggiunto l’arrogante prosopopea del plebiscito personale, con i noti risultati. Ma non è questo il solo campo in cui commettono errori comuni».

A cosa si sta riferendo?

«Si guardi all’incoscienza di questa campagna elettorale. Alla fine Cetto La Qualunque (il personaggio di Antonio Albanese che fa promesse elettorali mirabolanti, ndr.) sembrerà un morigerato realista. Questo capita anche perché una parte consistente d’Italia non vuole fare i conti con la realtà e spera nell’illusionista di turno».

 

Sta di fatto che lo scontento è generalizzato. Tanto che molti pensano a quando e a quanto “stavamo bene”.

«Il guaio grosso è che non siamo poveri e derelitti. Il benessere collettivo è elevato. Noi oggi stiamo meglio di quanto stavamo un tempo, ma troppi covano la rabbia di chi crede gli sia stato tolto qualche cosa. Sperano, trovando un presunto colpevole, di avere indietro quel che non hanno mai né avuto né guadagnato. E così procedendo il rischio di perdere molto, se non tutto, è elevato».

A breve si andrà al voto. Nomi nuovi ne girano pochi. Chi ne uscirà vincitore?

«Vincerà il trasformismo. Che prima ha trionfato nella condotta parlamentare e, ora, si afferma addirittura prima del voto».

 

Condividi
  • 6
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Il bluff dei vitalizi. I veri sprechi sono altri La riduzione dei costi dei politici (spesso non all'altezza del ruolo che sono chiamati a ricoprire) è giusta. Ma, conti alla mano, sono retorici e incidono poco: la riflessione di...
Se l’Europa è la scusa per tassarci di più Non c'è nessuna imposta, tassa o accisa chiesta dall'Europa. Come stoltamente s'è preso a chiamare quel che arriva dalle istituzioni dell'Unione europea. La pressione fiscale cr...
Legge elettorale: è un pasticcio, nuove regole Il senso della sentenza costituzionale è: volendo, si può votare anche subito. Il tempo impiegato, superiore alle previsioni della Corte stessa, non riflette una discussione dottri...
Conto (bancario) alla rovescia Il tempo sta per finire, anche se dalle nostre parti prima lo si è perso e ora si prova a prenderne. Il conto alla rovescia inizia da dove il tempo è stato comprato, con effetti ut...