L’economia, agli elettori non interessa più

L’economia? Non interessa agli elettori italiani. Almeno sui social network. A pochi giorni dal voto del 4 marzo, infatti, i temi di maggiore attenzione sono i dibattiti tra partiti su strategie ed alleanze (con il 47,6%), l’immigrazione (15,5%), i recenti scandali della politica (12,1%) e l’Europa (11%).

A fotografare l’istantanea della situazione pre-voto è l’osservatorio dati online electionmood.it di Epoka Group che grazie all’elaborazione di oltre 20 milioni di interazioni e 500 mila commenti ricostruisce in modo statistico il sentiment degli utenti sul web rispetto alle notizie pubblicate da 44 testate giornalistiche tra quotidiani, agenzie di stampa e principali canali news nazionali a partire dal 1 novembre 2017. 

Oltre all’economia (0,9%) ricevono poca attenzione da parte degli italiani altri temi come diritti civili, istruzione, ambiente e innovazione, tutti ben al di sotto dell’1%.

Un quadro, questo, sensibilmente mutato nelle ultime due settimane, durante la quali le recenti polemiche legate alle inchieste e agli scoop giornalistici, prima quasi del tutto assenti, hanno rapidamente scalato i vertici dei dati d’interesse del pubblico verso la politica che, in termini assoluti, raggiunge un totale del 10,7% sull’intero traffico monitorato, segnando un +3,7% rispetto al periodo pre-elettorale quando l’interesse di pubblico e media raggiungeva il 7%.

Decisamente in linea con questi dati è invece il quadro relativo al monitoraggio dell’interesse dei media sui principali temi della campagna elettorale: il dibattito politico-elettorale, infatti, mantiene il primato di spazi pari al 54,7%, seguito di nuovo dagli scandali (11,8%), Europa e immigrazione (15%) e politica estera (4,8).

A prevalere, infine, sulle news nel complesso è un sentiment generale di pessimismo mentre per le notizie relative alla politica, a sorpresa, la reazione degli italiani è quella di un’ironia e un sarcasmo diffusi, un’altra novità che certifica la non esattezza della percezione di indignazione che pure viene raccontata da numerosi organi di informazione. 

 

Condividi
  • 1
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

“Arrivano i barbari”. Considerazioni e (3) certezze post-voto “Arrivano i barbari”, cantava Giorgio Gaber. Ascoltatela, quella riflessione profetica. Avvertiva che ci sono già, i barbari, perché siamo noi. Adesso li abbiamo anche contati nell...
La squadra dei ministri e il teatrino della politica Se fossimo in un casinò diremmo a Di Maio: «bien joué». Prima si è recato di fronte al Quirinale, poi ha inviato per mail a Mattarella la lista dei ministri, infine li ha presentat...
Draghi, per vocazione o disperazione Saremo la coda del ciclo elettorale europeo. Durezze e brividi ci sono stati ovunque, ma gli elettori europei hanno scelto con libertà e ragionevolezza. Nessuno ha interesse a che ...
3 cose importanti che succederanno dopo le elezioni Tre cose importanti che succederanno dopo le elezioni, quale che sia l'esito. Lo spiega Davide Giacalone in appena un minuto durante la puntata di Omnibus del 6 febbraio 2018.