La banalità del bene che fa male all’Europa

La banalità del bene che fa male all’Europa

Durante una trasmissione televisiva il filosofo e ami­co Massimo Cacciari ha evocato, davanti al silen­zio dell’Occidente sulla stra­ge dei migranti annegati, la banalità del male. È vero. In questi anni decine di migliaia di sventurati sono periti tra i flutti per naufragi e incidenti vari: molti sono stati addirit­tura gettati in acqua dagli scafisti. Di loro, si è parlato poco o nulla. Appunto, la banalità del male.

Mi permetto tuttavia di ag­giungere che spesso questo fe­nomeno è assecondato e inco­raggiato da un atteggiamento simmetrico: quello che po­tremmo definire la banalità del bene. Quando cioè, ben­ché assistito dalle migliori in­tenzioni, il comportamento degli uomini, e degli Stati, produce catastrofi.

Possiamo fare due esempi distanti nello spazio e nel tempo.

1) La rinunciataria po­litica di “appeasement” delle potenze occidentali nella se­conda metà degli anni Trenta determinò Hitler a scatenare il più grande massacro della storia. Se Francia e Gran Bre­tagna lo avessero fermato agli inizi, forse ci sarebbe sta­to qualche morto, ma l’Olo­causto sarebbe stato scongiu­rato.

2) I sequestri di persona in Italia. Seguendo il lodevole ma funesto princi­pio che la sopravvivenza dell’ostaggio è il primo risul­tato da perseguire, negli anni Settanta e Ottanta il governo di fatto alimentò questa piaga perniciosa. Si pagarono i riscatti, e aumentarono le soppressioni dei rapiti. Quando lo Stato dispose il blocco dei beni, i sequestri e i morti cessarono. Nulla combatte il crimine quanto la sua improduttività.

Ora arriva la notizia dell’Istat che in Italia cinque milioni di persone versano in povertà assoluta: e uno su tre, quindi più di un milione mezzo, è straniero. Con la differenza che mentre gli italiani possono spesso contare su qualche familiare, e magari su qualche risparmio accumulato, gli stranieri sono del tutto indifesi: e di conseguenza molti si dedicano a quelle attività illegali – spaccio, furti, prostituzione ecc. – che ne consentono la sopravvivenza. E in effetti sappiamo che i detenuti stranieri, e i crimini agli stessi addebitati, sono in linea con queste percentuali allarmanti. I cittadini, anche digiuni di statistiche, queste cose le hanno assimilate, e ne hanno tratto le conseguenze.

Ora l’Europa è stata scossa dalla rivolta di Visegrad, dalle difficoltà della Merkel e soprattutto dalla ferma posizione del governo italiano. Le risposte date sinora alle domande poste dalla logica dell’aritmetica (quanti ne verranno, quanti ne possiamo prendere, quanti vanno distribuiti) sono state ispirate a quella generica banalità del bene che ha determinato, di fatto, le migliaia di vittime in mare, l’arricchimento dei criminali assassini e le difficoltà quasi insormontabili che gli Stati si trovano ad affrontare: davanti alle quali quasi tutti, anzi proprio tutti hanno provveduto chiudendo le frontiere. Alla banalità del bene si è aggiunta quella dei rimedi.

Non sappiamo cosa ci riservino i prossimi consigli europei. Ma sulla base delle statistiche dell’Istat – e di quelle più dolorose dei morti – sappiamo che continuando così condanneremo i migranti a una povertà crescente, quando andrà bene, e a un aumento di vittime, quando andrà male. Convinti dalle organizzazioni di trafficanti di trovare in Europa una sorta di eldorado, questi illusi saranno esposti a una delusione irritata, e forse rabbiosa, che sarà un fertile terreno di reati. Questo esaspererà ancora di più i residenti, in una sorta di spirale perversa di cui già si stanno vedendo i risultati: guerre tra poveri, soprattutto nelle periferie degradate, anche tra appartenenti alle medesime etnie.

Concludo. Queste statistiche valgono più di tutte le belle o brutte parole sentite in questi giorni. Esse pongono l’Europa davanti a una responsabilità, per così dire, certificata. Se la risposta sarà la solita litania della banalità del bene, dobbiamo prepararci, questa volta in piena consapevolezza colpevole, all’inevitabilità del male.

Carlo Nordio, “Il Messagero” 28 giugno

Condividi
  • 185
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

La crisi della politica? Tre casi lo dimostrano Tre eventi, apparentemente senza rapporti, sono sintomatici della crisi non solo della politica, ma del modo di dibatterne i problemi.  1. Primo esempio. Il decreto sicurezza og...
Far guerra alla Svizzera? No, il nemico è il fisco Carlo Lottieri analizza il referendum ticinese Nelle scorse ore gli elettori ticinesi hanno scelto di approvare la proposta «Prima i nostri», che vuole porre un qualche rimedio ...
Ius soli? Piuttosto iniuria soli Contro gli ideologismi idioti, idee della Fondazione Einaudi. Nati da mamme residenti in Italia e cittadini europei. Una riflessione di Davide Giacalone, tutta da leggere Il lin...
Marcello Pera: il Vangelo non c’entra, il Papa fa politica Bergoglio, tradizione cristiana, Concilio Vaticano II e immigrazione: ecco alcuni dei temi affrontati da Marcello Pera nell'intervista pubblicata su Il Mattino del 9 luglio 2017 di...