Il vaccino e la dinamica di Di Maio

Il vaccino e la dinamica di Di Maio

Credo nella scienza. Ha sentito l’esigenza di chiarirlo Luigi Di Maio, ministro degli Esteri della Repubblica Italiana. Deve aver capito che la cosa non era affatto chiara né scontata. Lo ha intuito, con qualche ritardo, nel giorno del Vax Day europeo contro il covid-19. Lo stesso giorno in cui il governo ha messo in piedi la grancassa mediatica dei primi vaccini arrivati in Italia dalla sede della Pfizer in Belgio.

Per qualche strana ragione, tutti ma proprio tutti gli esponenti del M5S devono aver bucato alle scuole elementari la lezione in cui ai bambini viene spiegata la terza legge della dinamica, conosciuta anche come principio di azione e reazione, con la quale Newton stabilisce che a ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.

Non ci devono aver pensato né Grillo né Casaleggio, né Di Maio né Di Battista quando hanno iniziato a infiammare le piazze fisiche e quelle digitali del Paese, contro i vaccini, contro le infrastrutture, contro la scienza, contro il sapere, contro le competenze, contro tutte le Istituzioni della Repubblica.

Anni dopo anni di odio e rancore, di promesse impossibili da mantenere, di fandonie e inganni, diffuse in modo scientifico per conquistare consensi a costo di spaccare il Paese, hanno condotto alla drammatica situazione di oggi, con milioni di cittadini che rifiutano il vaccino per timore di essere ingannati dalla scienza e dalla politica.

Secondo un sondaggio condotto da IPSOS per la RAI il 15 dicembre, il 60% degli italiani non intende vaccinarsi o preferisce attendere. Come se l’EMA, la FDA o l’AIFA fossero composte, secondo la teoria complottista dei terrapiattisti pentastellati, da oscuri individui al soldo di entità sovranazionali pronte a tutto pur di infettare questa massa di stolti che ci toccherà pure convincere con una imponente campagna di comunicazione persuasiva invece di essere presi a pedate, come consiglierebbe la terza legge della dinamica.

Respirare, bisogna respirare a fondo e ricominciare dai fondamentali. Lo esige la nostra democrazia, la nostra Costituzione, che consente anche a Luigi Di Maio, dopo averla calpestata, di cominciare a credere nella scienza a 34 anni, dopo essere stato vicepresidente della Camera dei Deputati, ministro del Lavoro e delle Attività produttive. Dopo aver maledetto l’Europa, flirtato con i gilet gialli e chiesto la messa in stato di accusa del nostro Presidente della Repubblica.

Care italiane e cari italiani, per diventare scienziati bisogna studiare, non basta aprire un blog e sparare corbellerie. Ricordatelo ai vostri figli, che forse a gennaio torneranno a scuola e all’università. Vaccinatevi e vaccinateli perché il vaccino è garantito, come qualunque altro farmaco che assumete quotidianamente in piena sicurezza grazie ad EMA, FDA e AIFA.

Inutile chiedervi di vaccinarvi per gli altri, perché ci vorrà tempo prima che possiate tornare a riconoscere la cittadinanza e il bene comune come un valore. Vaccinatevi per voi stessi, per tornare a lavorare, a produrre, a incontrarvi, a viaggiare, a divertirvi, a studiare, a vivere.

ilcaffèonline.it