Alberto Mingardi

“Si chiamano Scuole di Liberalismo perché a inizio anni Novanta, nel nostro Paese, del liberalismo andavano insegnati persino i rudimenti. Bisognava ricominciare dalle prime lettere di un alfabeto che era stato non dimenticato ma studiatamente rimosso: nel Paese di Vilfredo Pareto, Luigi Einaudi e Bruno Leoni. Vent’anni buttati dalla politica si spiegano anche così: una confusa voglia di libertà che si agitava fra gli italiani, l’assenza di una classe dirigente in grado di interpretarla.

Le Scuole hanno arato un terreno aspro, perché le idee di libertà potessero trovare di nuovo gli unici campi di battaglia loro congeniali: la mente e il cuore delle persone. Il loro compito non si è certo esaurito, ma pensiamo agli amici, alle discussioni, agli scontri, alle suggestioni che ci hanno regalato in questi anni. Le idee liberali possono vincere solo così. Cambiando una testa alla volta.”

Alberto Mingardi (Direttore dell’Istituto Bruno Leoni)

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Corrado Rajola “I miei ricordi partono da Napoli dove ho frequentato la Scuola negli anni 1999-2000-2001. Per due volte ho vinto una borsa di studio e nel 2002 sono stato “promosso” coordinatore ...
Florindo Rubbettino Florindo Rubbettino, 41 anni, comproprietario dell’omonima casa editrice, è stato uno studente della Scuola di Liberalismo, in anni ormai lontani. “Ho partecipato, come allievo, a ...
“Libertà e bellezza”, la lectio magistralis di Vittorio Sgarbi “Sostituire l’ideologia con la cultura è l’unico futuro per la sopravvivenza della buona politica al servizio del buongoverno”. Questa la proposta di Vittorio Sgarbi all’Open day d...
Partitocrazia e antipartitocrazia Partitocrazia e antipartitocrazia Lezione di Fulco Lanchester, Roma giovedì 14 maggio 2015 Sono intervenuti: Saro Freni (coordinatore della Scuola di Liberalismo di Roma), Fulco...