3 cose e 1/2 sul nuovo governo

3 cose e 1/2 sul nuovo governo

I governi si giudicano da quello che fanno. Il tempo del prima e quello del durante sono diversi, solo dopo si potrà stabilire chi aveva visto giusto e se le cose annunciate sono state poi realizzate. Ma tre cose, e mezza, mi pare utile sottolineare, perché avranno riflessi nel futuro.

1) Il governo nasce perché il presidente della Repubblica ha agito nel modo che tanti, e i diretti interessati, hanno condannato. M5S e Lega avevano già stabilito di non potere governare assieme, ma furono indotti a ripensarci quando il presidente disse l’ovvio: un governo nascerà comunque. Hanno fallito, sgambettandosi a vicenda e fissando paletti cui poi non riuscivano a stare, e già annunciato le urne, per non dire della grottesca idea di mettere il presidente in stato d’accusa, quando dal Colle è stato annunciato l’imminente governo tecnico. Hanno avuto il tempo necessario ed è nato il governo. Molti dovrebbero chiedere scusa a Sergio Mattarella.

2) Carlo Cottarelli è un vero servitore dello Stato. Osservazione che può sembrare marginale e irrilevante, ma che, al contrario, tornerà politicamente a emergere.

3) Abbiamo visto l’Italia usata come strumento. Quelli in campo non erano combattenti, ma armi di combattimenti altrui. La posta in gioco non era questo o quel ministero, ma la sorte di tutta intera l’area dell’euro. È un concetto difficile, per molti, perché sono accecati da falsi presupposti. Mi chiedono: pensi quindi che siano al soldo di Putin? O di Trump? E giù risate. Sciocche. L’Ue è l’area più ricca, sviluppata e libera del mondo. Naturale che abbia dei nemici. Anche perché non esiste come potenza militare ed è neonata come soggetto politico. Non credo Bannon fosse in giro per turismo. Escludo Putin cerchi foto opportunity con questo o quell’esponente della destra europea. Ma in questo non c’è meccanicità.

Il punto è altrove, interno all’Ue. Ed è un fronte assai composito. Per dirne una: la destra cristiano democratica tedesca, che non è affatto con Merkel, adora l’idea che in Italia succeda quello che loro hanno paventato, ovvero si scassi il bilancio e si squilibri l’euro. E lo adorano anche perché aiuterebbe le banche tedesche a non versare i soldi (scadenza 2020) nel fondo interbancario europeo. In Italia i nostri militi con bandiera cangiante hanno fatto il possibile, per soddisfarli. Per dirne una.

Da quel che capisco, ove mai il gioco degli specchi e dei non specchiati non inganni, la linea di politica estera sarà filo francese. Me ne compiacerei, senza esagerare. Un altro fronte antagonista della Germania merkeliana, ma in direzione opposta a quello dei tedeschi appena ricordati. Spero qualcuno sia consapevole di ciò e abbia in mente un modo per tenere le cose in coerenza.

La mezza cosa è questa: Juncker è un cretino. Chi ricopre quella carica non può parlare a vanvera, essendo irrilevante se ha ragione o torto. Posto ciò, siano chiare due cose: a. che l’Italia sia il Paese più corrotto d’Europa, e tendenzialmente del mondo, lo sostengono gli italiani e lo documenta la Corte dei conti, che ha scritto follie, in merito (in passato feci i conti e documentai tale affermazione), ma restano scritte; b. il nostro tasso d’occupazione è il più basso fra i grandi Paesi, sicché è documentalmente vero che lavoriamo poco.

La stagione della lamentazione pezzente non finirà mai troppo presto né quella della ragionevolezza operante inizierà mai troppo presto.

Davide Giacalone, 1 giugno 2018

Condividi
  • 2
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Crisi istituzionale, facciamo chiarezza Ciascuno ha il dovere della chiarezza, come di misurare i toni. La Repubblica ha vissuto momenti di alta tensione istituzionale (quelli del “mai come ora”, per lo più, non hanno ma...
Ricordano il Pci Il nuovo ha un sapore di vecchio. Si compone di due forze, il M5S e la Lega, assai diverse fra loro, ma anche assai simili in quel che hanno di nuovo e che sa maggiormente di vecch...
Partiti, la ricreazione è finita Per capire il perché della tanta confusione e della apparente inutilità di tutto ciò che i vari leader di partito hanno fatto e detto dal giorno dopo le elezioni del 4 marzo fino...
Governo, quel pericoloso atteggiamento anti-industriale Henry Morgenthau, segretario al Tesoro dell’Amministra-zione Roosevelt durante la Seconda guerra mondiale è passato alla storia per il suo piano (fortunatamente mai attuato). L’ide...