“Libertà e bellezza”, la lectio magistralis di Vittorio Sgarbi

“Sostituire l’ideologia con la cultura è l’unico futuro per la sopravvivenza della buona politica al servizio del buongoverno”. Questa la proposta di Vittorio Sgarbi all’Open day della Scuola di Liberalismo della Fondazione Luigi Einaudi. “Stiamo assistendo alla distruzione della fisionomia delle nostre città”, ha dichiarato Sgarbi davanti a una sala gremita.

“La bellezza, purtroppo, è un retaggio del passato; l’obiettivo urbanistico dei tempi moderni pare essere solo quello della costruzione di “edifici brutti”. “Bisogna tornare – ha aggiunto il celebre critico d’arte – al Rinascimento, quando vi era un “potere committente” che lasciava libera iniziativa all’artista, l’unico vincolo era quello rappresentato dalla realizzazione di “cose belle”. Quello che molti chiamano “arte di regime” è “arte di Stato” che preserva le caratteristiche e i sentimenti del clima dell’epoca in corso”. 

           

La versione integrale

 

La lectio magistralis di Vittorio Sgarbi su Radio Radicale

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Stefano da Empoli “I miei ricordi della Scuola di liberalismo sono inevitabilmente influenzati dall’esservi arrivato da figlio di uno dei docenti della prima ora. Non è un caso che giunsi alla Scuol...
Carlo Lottieri “Quando penso alla Scuola di Liberalismo la mia memoria si muove lungo due diverse direzioni. In primo luogo, mi vengono alla mente le numerose trasferte italiane che, negli anni, ...
Elvira Cerritelli "Uno dei punti di forza della Scuola di Liberalismo è sempre stato la sua connotazione internazionale. Grazie all’energia organizzativa del gruppo che ruota attorno a Enrico Morbel...
Alfredo Borgia Alfredo Borgia (Responsabile rapporti parlamento ed Enti Locali – Sky) "Avevo compiuto da poco 18 anni – ahimè più di venti anni fa – quando su un giornale lessi un boxino con l’a...