I testi Invalisi e la cattiva scuola

I testi Invalisi e la cattiva scuola

Non fosse estate, sarebbe opportuna una protesta degli studenti. Non lo sciopero per schivare la scuola, ma per dare voce a chi studia volendo migliorare. Ecco la tanto evocata e falsamente deprecata “scuola di classe”: quella che non promuove chi è meritevole, ma svantaggiato. Lasciando immutate le caste di partenza.

La fotografia scattata dai testi Invalsi, per valutare il lavoro d’insegnamento e apprendimento, fatto a scuola, restituisce una realtà inaccettabile. Analoghi test internazionali (Pisa) collocano l’Italia in posizioni umilianti.

Questi, nazionali, ne spiegano il perché. Non stupirebbero le differenze fra una scuola e l’altra, perché è normale. È patologico, invece, che il nord d’Italia sia saldamente collocato sopra la media nazionale e sia abbastanza omogeneo, mentre il sud e le isole non solo sono costantemente e drammaticamente sotto, ma con scostamenti interni enormi.

Vale a dire che ci sono scuole buone, scuole insufficienti e troppe scuole dove la matematica non la si conosce fra i banchi, ma neanche in cattedra.

Chi è indietro ci resterà. Nulla di più ingiusto. In queste condizioni il valore legale del titolo di studio non è soltanto un feticcio da superare, ma una beffarda presa in giro.

Vedremo un corteo studentesco pro-meritocrazia? Difficile. Si trascinerà lo scambio più vizioso: il servizio pubblico offerto è scadente, ma chi deve riceverlo (studenti e famiglie) non ne chiede uno migliore, bensì di avere il pezzo di carta. Il diploma.

Tu Stato mi dai poco, allora chiedimi poco. Peccato che resti niente.

I dati Invalsi andrebbero pubblicati disaggregati (come altri fanno), scuola per scuola, sezione per sezione. Per indirizzare premi e soldi e perché chi non vuole il niente in cambio di poco ha diritto di sapere da cosa far fuggire i propri figli. 

Davide Giacalone, Il Corriere della Sera 7 luglio 2017

Condividi
  • 24
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

I 3 grandi guasti prodotti dal ’68 In attesa di festeggiare i suoi 50 anni, Marco Gervasoni, traccia un ritratto impietoso del '68. Per il docente e componente del Dipartimento storia e filosofia della FLE, i danni ...
Istruzione: la fotografia di un Paese in difficoltà Il quadro sulla percentuale dei laureati italiani certificato nei recenti dati diffusi dall'Ocse nel Rapporto Education at a glance 2018 consegna ancora una volta una Italia sempre...
Le occupazioni delle scuole e il diritto d’essere puniti Quei ragazzi hanno il diritto d’essere puniti. Dalle occupazioni delle scuole, corredate con video sui social, in cui gli occupanti fumano spinelli, alle classi in cui si tira la s...
Scuola, l’abolizione del voto in condotta e i suoi pericoli Preoccupa il segnale della nuova norma: ne scrive Giovanni Belardelli sul Corriere della Sera del 19 novembre 2017 Con un recente decreto, il ministro Fedeli ha abolito il voto ...