Italia, dirigenti PA strapagati e insoddisfazione cittadini per i servizi pubblici

Dipendenti statali attempati, dirigenti pubblica amministrazione strapagati e una diffusa insoddisfazione dei cittadini per i servizi pubblici. Ecco alcuni dei dati salienti del rapporto Ocse dal titolo «Government at a Glance» che raccontano un Paese, l’Italia, alle prese con un momento storico di grandi difficoltà.

Abbiamo raccontato lo studio con 7 infografiche e con il commento di Davide Giacalone.

Il periodo di riferimento è il 2015-16. Per saperne di più, clicca qui 

Infografica 1

I rapporto Ocse ci dice che in Italia i dipendenti statali ultra-55enni sono molti di più (45% contro il 24%) che negli altri Paesi…

Davide Giacalone: Questo dato è bivalente: da una parte mostra l’ovvio, ovvero la media d’età nettamente superiore; dall’altra si spiega anche con il fatto che da noi si cerca di contenere la spesa pubblica non riqualificando i servizi forniti dalla pubblica amministrazione, rendendoli compartecipi e non ostacolanti il mondo produttivo, ma fermando le assunzioni. Risultato: l’età media cresce ed energie nuove restano fuori. 

Infografiche 2-3

 

 

I dipendenti pubblici rispetto agli occupati totali in Italia sono di meno che negli altri Paesi industrializzati. Una bella notizia?

DG: No, solo una conseguenza di quanto abbiamo appena detto. 

Infografiche 4-5

 

 

Da una parte abbiamo i dirigenti PA con stipendi più elevati e dall’altra i professionisti (cioè i dipendenti pubblici con competenze tecniche specifiche) con quelli più bassi rispetto alla media Paesi Ocse. Come mai questi due dati contrastanti?

DG: Dicono che la carriera, in Italia, non si fa per merito, ma per anzianità. Combinando questo con quanto già detto, ne deriva la disfunzione: amministrazione invecchiata, costosa e non all’altezza dei compiti che dovrebbe svolgere. E ci dicono anche che le politiche di presunta riqualificazione della spesa s’immiseriscono e avvizziscono nello sforzo di contenerla senza renderla efficiente. 

Infografica 6

 

Per una causa amministrativa, in Italia 2,5 anni, in Svezia 4 mesi. Qui c’è poco da commentare…

DG: Ma c’è molto da fare. La lentezza della giustizia, amministrativa e non solo, non è una dannazione divina, ma l’umano frutto del rattrappimento corporativo e delle norme tese a proibire e controllare anziché a promuovere e facilitare. Da qui la peggiore conseguenza: più regole, più controlli e più devianza e corruzione. 

Infografica 7

 

Sanità, scuola e giustizia: Italia in coda per grado di soddisfazione dei cittadini nei confronti dei servizi pubblici. Ha difficoltà a crederlo?

DG: Date le premesse, sarebbe strano se i dati dicessero il contrario.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

“Je suis Charlie”, quando lo Stato torna a farsi etico La cosa più impressionante è che l’Occidente, almeno nelle sue élite, sta perdendo gradualmente consapevolezza di sé. Senza accorgersene. Anzi, credendo di agire “correttamente” ed...
Più società e meno Stato nel finanziamento ai partiti – Una proposta alter... Dove: Roma, il Tempio di Adriano Quando: 5 giugno 2012 Relatori: Angelo Panebianco e Massimo Teodori per la prima parte del convegno; nella Tavola rotonda hanno parlato tra g...
Separazione carriere, un successo la raccolta delle firme Prosegue con successo in tutta Italia la raccolta di firme per la presentazione di una legge di riforma costituzionale per la separazione delle carriere fra pubblici ministeri e gi...
Avvocatura, professione in declino. La conferma dallo studio CENSIS Se oggi gli avvocati fondassero un partito politico lo dovrebbero chiamare Fermare il declino. Il loro, in questo caso. Infatti, se leggiamo l’ampio studio appena pubblicato dal C...