La Costituzione degli Stati Uniti d’America

Libro di Giuseppe Maranini a cura di Eugenio Capozzi

Nel 1949, dalla cattedra di diritto costituzionale comparato della facoltà di scienze politiche “Cesare Alfieri” di Firenze, Giuseppe Maranini lancia il primo assalto di quella che sarà la sua lunga e tenace guerra contro la “partitocrazia”, in nome di una democrazia fondata su un governo autorevole ed una efficace separazione tra i poteri.
Nel corso universitario di quell’anno, per la prima volta qui riproposto, Maranini indica nell’ordinamento degli Stati Uniti il modello per eccellenza del regime costituzionale: ma ne descrive le caratteristiche ricostruendone, innanzitutto, la genesi storica e la profonda connessione con gli equilibri socio-politici di quel paese. In tal modo, egli propone alla classe politica e all’opinione pubblica italiana non un’astratta “costituzione ideale”, ma piuttosto un’analogia tra lo sviluppo storico della democrazia americana ed il processo di maturazione civile, che egli avverte compiersi sotto i suoi occhi, della società italiana del suo tempo.

Editore: Rubbettino

Anno: 2003

 

la_costituzione_degli_stati_uni_1

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Costituzionalismo liberale e la Carta del 1948: perché non è più la più bella de... Conferenza del professore Giovanni Guzzetta promossa nell'ambito della Scuola di Liberalismo 2014. Costituzionalismo liberale e la Carta del 1948: perché non è più la più bella ...
“De libertate e le rivoluzioni atlantiche” Lezione di Luigi Campagna nell'ambito della Scuola di Liberalismo 2016 Roma, 29 febbraio 2016 Sono intervenuti: Luigi Compagna (senatore, ordinario di Storia delle Dottrine P...
Lavoro e costituzione Conferenza di Achille Chiappetti dal titolo Lavoro e costituzione, Roma 12 dicembre 2011 Sono intervenuti: Enrico Morbelli (giornalista), Achille Chiappetti (professore), Saro F...
Le regole liberali del buongoverno che non abbiamo mai avuto Studioso profondo e originale del liberalismo contemporaneo esaminato non solo in pensatori ormai classici come Luigi Einaudi ma anche in irregolari come Panfilo Gentile, Alberto G...