E lui non paga. Lo Stato e i (lunghi) tempi di pagamento

L’Italia e i (lunghi) tempi di pagamento della PA: le conseguenze, la proposta e il confronto con gli altri Paesi europei (a cura di Davide Giacalone e Marco Di Eugenio)

Italia, la procedura d’infrazione dell’Ue

La procedura d’infrazione e il deferimento alla Corte di giustizia sono meritati, perché lo Stato italiano continua a non pagare i propri fornitori nei tempi stabiliti.

Quando chi mi deve pagare non lo fa, o non lo fa nei termini stabiliti, io cittadino mi rivolgo allo Stato, ovvero alla giustizia, chiedendo che l’obbligazione contratta sia rispettata. Purtroppo la giustizia non funziona e anche quella è una strada lunga e tortuosa. Diventa infernale quando a non pagare è lo Stato. 

Lo Stato non paga? 4 conseguenze

Lo Stato che non paga crea molti danni:

a. costituisce un pessimo esempio, talché chiunque si trovi in posizione di forza tende a replicarne il malcostume;

b. indebolisce e talora porta al fallimento privati che hanno lavorato rispettando le regole;

c. conoscendo questa pessima attitudine i fornitori tendono a contabilizzarla fra i costi (non avere i soldi nel tempo dovuto crea un costo finanziario), aumentando i prezzi praticati a quel cliente, con il risultato che la spesa pubblica cresce a parità di acquisti;

d. un lavoro pagato male tende a essere eseguito male.

Ci fu chi si impegnò a sanare questa piaga, smaltendo l’arretrato entro il 21 settembre 2014. Altrimenti, affermò sicuro Matteo Renzi, allora alla guida del governo, andrò in pellegrinaggio a Monte Senario. A piedi. Non ci andò neanche in bus, ma la promessa fu archiviata assieme ad altre, non propriamente onorate. Se egli aveva ecceduto in spacconeria era, però, in buona e folta compagnia, in quanto a fallimento.

La proposta

Da tempo proponiamo una soluzione meno stentorea e (forse) più efficace: sia la Cassa depositi e prestiti non a pagare per conto dello Stato (sarebbe impossibile), ma a garantire quei crediti presso le banche, talché i creditori possano scontarli. Ci troveremmo, subito, una quarantina di miliardi di liquidità a scorrere verso il sistema produttivo. Il rischio della garanzia è praticamente zero, visto che il debitore è lo Stato. Il costo dell’operazione verrebbe caricato (non è giusto, ma meglio di niente) sulle spalle dei privati.

Niente da fare. Hanno preferito usare la Cdp come fosse una Gepi e per finanziare false privatizzazioni, nelle quali lo Stato vende a sé stesso e straparla di mercato. Merita di finire davanti al giudice europeo.

L’altra faccia della medaglia

Detto questo, c’è l’altra faccia della medaglia. In particolare:

1. Lo stock del debito è, nel tempo diminuito, da poco meno di 60 a poco meno di 40 miliardi. Troppo poco, troppo lentamente, eppur si muove;

2. Le amministrazioni centrali pagano in tempi accettabili, finalmente, il che spiega la diminuzione dello stock, mentre quelle locali e autonome sono largamente fuori dalla norma. La seconda cosa rimanda alla riorganizzazione della funzione pubblica e al necessario aggiornamento della macchina pubblica. Ma sono considerati temi da convegno, mentre per la propaganda si preferisce far sapere che sono state fatte nuove assunzioni, aumentando costi e clientele. 

Il confronto con gli altri Paesi europei

 

Scarica lo studio in Pdf. Clicca qui

Condividi
  • 127
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Deficit e debito pubblico sono diminuiti? L’acceso confronto tra Giacalone... Durante la trasmissione Omnibus del 18 ottobre, Davide Giacalone ed Ernesto Carbone (PD) si scontrano sui conti pubblici del 2015. Vi proponiamo un estratto.  http://www.youtub...
Checco Zalone vs John Rawls Lezione di Pietro Monsurrò promossa nell'ambito della Scuola di Liberalismo 2016 - CIII edizione. Sono intervenuti: Enrico Morbelli (direttore della Scuola di Liberalismo della ...
La corruzione, inseparabile compagna dell’intervento pubblico La corruzione continua a essere protagonista delle cronache giudiziarie italiane. Per questo, proponiamo un estratto da Semplicemente liberale, saggio di Antonio Martino pubblicato...
Campagna elettorale ogni scherzo vale "La campagna elettorale non vuol dire rinunciare alla ragione. Non è Carnevale, ogni scherzo vale". Davide Giacalone analizza miserie di partiti e politici durante la raccolta voti...