Deflazione e spread: l’Italia è ancora al palo

In ottobre l’economia italiana è tornata in deflazione e i dati definitivi, comunicati dall’Istat, sono peggiori di quelli provvisori. I prezzi al consumo sono diminuiti di 0,1 su settembre e di 0,2 sull’ottobre dello scorso anno. Nella stima provvisoria la deflazione rispetto all’ottobre 2015 era lo 0,1. Ora è doppia.

E il quadro dettagliato mostra che i prezzi sono calati perché il consumatore ha ridotto la domanda di quelli non indispensabili. Il Pil del 2016 è maggiore di quello del 2015 di un più 0,6-0,8%. Il bilancio pubblico è in deficit, attorno al 2,6% del Pil. Dunque il consumatore ha ridotto la domanda non perché ha meno reddito spendibile ma perché cerca di far meno debiti e più risparmi.

Se ne arguisce che la Renzinomics, cioè l’economia di Renzi, basata sullo stimolo ai consumi, per generare crescita non dà gli effetti espansivi sperati, ma è deflattiva, in una situazione in cui la politica monetaria europea è di massima espansione.

Dalle tabelle dell’Istat si vede che oltre al calo del 2% dei prezzi di gestione delle abitazioni, riguardanti acqua, elettricità e combustibili, dovuta al calo del prezzo all’origine del petrolio e del gas, fra un ottobre e l’altro, c’è un calo di 1,3% dei prezzi dei servizi di comunicazione, di 1% dei beni e servi per l’istruzione, di 0,3 nei servivi ricreativi e di ristorazione e dello 0,2 per alimentari e bevande analcoliche. Il principale aumento di prezzi su base annua è il 2% per le bevande alcooliche e tabacchi: il vizio ha una domanda rigida.

Dato che l’economia di Renzi consiste in parte in bonus già erogati e altri annunciati nella legge di bilancio per il 2017-19 che dovrebbero stimolare i consumi e in parte in dichiarazioni ottimistiche sulla svolta che l’Italia sta facendo e sul futuro, ove sia approvato il referendum, che toglie al Senato il potere di controllo delle leggi di spesa, trasformandolo in un consesso di consiglieri comunali e regionali, interessati a nuove spese per i loro enti, non si può dire che il governo stia mettendo il freno a mano.

Al contrario preme l’acceleratore e proclama che lo farà ancora. Il premier inoltre rassicura che i fondi per il post terremoto e gli immigrati sono copiosi. In sintesi: abbondanza di spese, anche con deficit per spese straordinarie fuori bilancio.

Come mai l’effetto è la deflazione, anziché un aumento dei prezzi, dovuto a una domanda presente e futura in aumento? La risposta è che questa politica e questa enfasi non sono rassicuranti, generano la sensazione che il secchio sia bucato e che alla fine i soldi non ci saranno.

E poi, chi assicura che be promesse siano mantenute, dato che in gran parte sono collegate a un referendum che il governo ha la necessità di vincere? Ottenuta la vittoria, potrebbe attuare la manovra correttiva, per tappare i buchi del secchio che stanno generando non solo facce scure a Bruxelles, ma anche quotazioni peggiorate nel debito pubblico. D’altra parte se il governo perde sul referendum, diventa una “anatra zoppa” e la legge di bilancio sarà comunque modificata, per evitare un aumento dell’Iva. Ergo, “promesse da marinaio”. Questo per il futuro.

Ma per il passato? Come mai i soldi che già sono entrati nei portafogli non sono stati spesi nella misura prevista? C’è molta disoccupazione, l’economia si muove poco, i giovani fanno fatica a sistemarsi, molti sono in povertà e le famiglie hanno bisogno di cautelarsi. I bonus spesso piovono sul “bagnato”, non sull’arido. Più in generale per far crescere una economia bisogna puntare sugli investimenti, ed ivi operare con ogni energia, non sui consumi e sui referendum.

Francesco Forte, Il Giornale 15 novembre 2016

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Dividere l’Ue in due club Ecco come arriverà l’eurolira Le dichiarazioni di Angela Merkel sull'Europa a due velocità - e dunque si presume con due euro - sulla scena politica sono un fatto nuovo. Non lo sono per gli economisti, perch...
Siamo liberali, ma non fessi Le operazioni del finanziere francese Bolloré con la sua scalata al 20% di Mediaset, mediante operazioni contrarie ai principi del libero mercato, ripropongono il quesito della con...
Einaudi vs. Keynes di Francesco Forte Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese Americano. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua alternativa. Puoi c...