Beatrice Lorenzin

“Fra le tante ragazze che hanno frequentato i corsi di formazione della Scuola di Liberalismo, Beatrice Lorenzin vanta l’iscrizione a due consecutive edizioni: quelle del 1994 e del 1995. Ed ebbe anche occasione di portare un contributo a quella successiva consentendo la pubblicazione del libro delle lezioni. All’epoca Beatrice era una studentessa di giurisprudenza, con un’antecedente formazione classica, mossa da quella ventata di rinnovamento liberale che in quegli anni pervadeva il nostro paese. In un particolare momento di transizione nella vita politica italiana, in cui molti, e da più parti, si proclamavano “liberali”, la futura parlamentare della PdL trovò nella Scuola di Liberalismo molte risposte alle domande che il suo entusiasmo le aveva sollecitato. Acquisendo così la consapevolezza delle motivazioni che furono alla base del suo futuro impegno politico.

Infatti l’anno dopo Beatrice venne eletta Consigliere nel XIII° Municipio, uno dei quartieri maggiormente popolosi di Roma. Forte di questa prima esperienza estremamente formativa, in quanto vissuta sul territorio in mezzo alla gente, nel 2001 entrò in Campidoglio quale Consigliere comunale di Roma, dopo un’impegnativa campagna elettorale, condotta “porta a porta”, incontrando personalmente migliaia di elettori, ascoltandoli sempre tutti, anche quelli dichiaratamente di opposti schieramenti. Successivamente, nel maggio del 2008, entra alla Camera dei Deputati, con la XVI° legislatura, ed anche in quell’occasione viene supportata dalla sua antecedente formazione, scelse infatti di partecipare ai lavori della I° Commissione “Affari costituzionali”; il seme gettato molti anni addietro, seguendo i corsi della Scuola di Liberalismo, aveva ormai dato i suoi frutti.

Quando chiesi all’onorevole Lorenzin cosa l’avesse portata la prima volta a frequentare quelle lezioni in quegli anni lontani, la risposta fu: “Il nome di Luigi Einaudi e la mia femminile curiosità”. E la seconda? “Volevo approfondire le tesi di politica economica elaborate da Von Hayeck e da Von Mises, i fondatori della scuola austriaca, nonché i precursori del sistema economico liberale moderno.”

Beatrice Lorenzin (deputata e Ministro della salute ) -intervista di Fabio Verna

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Elvira Cerritelli "Uno dei punti di forza della Scuola di Liberalismo è sempre stato la sua connotazione internazionale. Grazie all’energia organizzativa del gruppo che ruota attorno a Enrico Morbel...
Fausto Carioti “Sarà stato l’inverno tra il 1990 e il ’91, o giù di lì. Un secolo fa, insomma. Quando dalle scale della Luiss che portano ai piani sotterranei (allora le lezioni si facevano in vi...
Siamo come le api: individui liberi o falliamo tutti L'estratto dell'intervento di Corrado Ocone, con il quale il direttore scientifico della Fondazione Einaudi aprirà l'edizione della Scuola di Liberalismo 2018 di Roma (per saperne ...
Gaetano De Salvo “Le faccende umane si trovano, per unanime consenso, in uno stato deplorevole. Questa peraltro non è una novità.” (Carlo M. Cipolla, Allegro – ma non troppo). 1992. Venti anni f...