3 motivi per cui la Raggi ha scelto il rito immediato

3 motivi per cui la Raggi ha scelto il rito immediato

Quali i motivi, quale la strategia dietro la richiesta del sindaco di Roma di essere giudicata con il rito immediato? Lo spiega Carlo Nordio 

La richiesta di Virginia Raggi di essere giudicata con il rito immediato può essere letta in due modi diversi. a) Il primo è quello sostenuto dall’imputata: una scelta di affrettare i tempi, nella certezza di un rapido proscioglimento. b) Il secondo è quello dei suoi avversari: un mezzo per evitare l’udienza preliminare, ritardare il processo e un’eventuale sentenza sfavorevole.

Da un punto di vista formale, entrambe le tesi sono sostenibili.

Lo è quella della Raggi, perché il giudizio immediato -come dice la parola stessa – è o dovrebbe essere quello più prossimo. E lo è quello degli oppositori, perché tra il decreto che dispone il dibattimento e la data della sua celebrazio-ne devono intercorrere almeno trenta giorni, e quindi basta un niente per spostare tutto oltre la temuta scadenza elettorale.

Al che la sindaca potrebbe replicare che, con le formalità e le insidie dell’udienza preliminare, il processo slitterebbe lo stesso. Per conto nostro, e per quel poco di esperienza che abbiamo, crediamo che in nessun caso la sentenza sarebbe arrivata, né arriverà, prima delle fatali idi di Marzo.

Vi sono però tre circostanze che vale la pena di considerare.

1) La prima, che l’imputata ha aspettato gli ultimi giorni utili per chiedere il giudizio immediato: se avesse realmente voluto affrettare i tempi avrebbe potuto farlo mesi addietro, quando le era stata notificata la richiesta di rinvio a giudizio del Prn.

2) La seconda, che in questo modo la Raggi separa la sua posizione da quella del coimputato Marra, complicando un quadro che si dovrebbe invece ragionevolmente definire in modo unitario.

3) E la terza, che, evitando l’udienza preliminare, si sottrae comunque al rischio di una pronuncia di rinvio a giudizio, che formalmente non cambierebbe nulla, ma che sostanzialmente costituirebbe un ulteriore graffio alla sua immagine già dolorosamente scalfita.

Si tratta, come si vede, di una situazione assai complicata tanto sotto il profilo processuale quanto sotto quello politico.

E qui risiede la grave patologia che compromette il nostro intero sistema: che mentre la complessità giuridica è determinata dalle regole del nostro codice, quella politica non è giustificata da nessuna ragione plausibile, se non quella, proclamata proprio dal Movimento della Raggi, che pretende ( o pretendeva ) un’assoluta verginità giudiziaria per tutti i pubblici amministratori.

In un paese normale un sindaco dovrebbe aspettare serenamente la sentenza definitiva. prima di decidere di abbandonare posto ed elettori. E un partito dovrebbe fare altrettanto prima durante e dopo la campagna elettorale.

Se ora anche i grillini si trovano impantanati, devono solo fare un doveroso e tardivo mea culpa. In parte lo hanno già fatto. Le rigorose condizioni di eleggibilità e di permanenza nelle cariche pubbliche che avevano caratterizzato l’esordio dei pentastellati sono state rivedute e mitigate nel loro recente regolamento, al punto da subordinare le dimissioni, un tempo automatiche in presenza di una condanna di primo grado, alla insindacabile “facoltà di giudizio degli organi associativi”.

Questa inversione di rotta si coniuga con l’attuale scelta della Raggi, che, servendosi legittimamente di uno strumento processuale da lei ritenuto più utile, si allinea alle condotte precedenti di altri suoi colleghi di diverso schieramento: sindaci e ministri che, per aver altrettanto legittimamente invocato le garanzie delle leggi e la presunzione di innocenza, sono stati tuttavia lapidati o addirittura costretti all’abbandono.

Questo ulteriore segno di “normalizzazione” riconduce il Movimento nell’alveo prosaico della concretezza realistica. e, se suscita perplessità per la sua incoerenza, nondimeno costituisce per un fatto positivo per la politica nazionale.

Quali siano le reazioni delle sue anime più intransigenti e immacolate, è invece un altro problema. 

Carlo Nordio, Il Messaggero 4 gennaio 2018

Condividi
  • 70
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Se il totalitarismo è giudiziario A Roma non si sa dove e quando e come potranno essere collocate le bancarelle dei libri (che ci sono da sempre, e sono un meraviglioso momento di sosta) perché lo deve stabilire la...
L’ideologia uccide giustizia e diritto Se si ripercorrono le cronache degli ultimi ottant'anni si scopre che lo stato della giustizia, da noi, è sempre lo stesso: presenza costante di un pregiudizio ideologico e sociale...
Stato-mafia, 4 domande senza risposta Diamo per conosciuti alcuni principi elementari: a) che la magistratura è indipendente e non vuol far politica con le sentenze; che queste ultime si possono criticare ma si devono ...
Leggi speciali e diritto Le leggi speciali servono ad affrontare crimini e criminali speciali. Sono utili e per nulla in contrasto con le libertà e le garanzie democratiche. C’è una trappola, però, nella q...