Archivio Fondazione Luigi Einaudi: Fondo Franco De Lorenzo

Composizione: fascicoli 120, buste 14, metri lineari 1,90

Storia

Esponente del Partito Liberale Italiano: dal 1975 al 1993 ha rivestito l’incarico di consigliere del Comune di Napoli; eletto alla Camera dei deputati per la prima volta nel 1983, IX legislatura, viene riconfermato anche nella X e XI fino al 1994. Dal 1987 al 1989 è componente delle Commissioni parlamentari di vigilanza sulla Rai e Antimafia. Dal 1983 al 1986 è Sottosegretario alla Sanità, mentre dal 1986 al 1987 è Ministro dell’Ambiente. Con lui sono istituite le prime riserve marine (Ustica e Miramare) e il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri (Noe). Dal 1989 al 1993 è Ministro della Sanità.

Sue sono le leggi:

  • Disciplina per le attività trasfusionali relative al sangue umano (L.107/’90)
  • Interventi urgenti per la prevenzione e lotta al AIDS (L.135/90)
  • Vaccinazione obbligatoria contro l’epatite virale “B” (L. 165/91)
  • Scioglimento e gestione transitoria USL (L. 111/1991)
  • Indennizzo a favore di soggetti danneggiati da vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni (L. 210/1992)
  • Riordino della disciplina in materia sanitaria (D. Lgs 502/92)
  • Centralità delle regioni nel controllo della spesa sanitaria e unicità del rapporto di lavoro del medico (L. 412/91)
  • Istituzione del 118 per l’emergenza sanitaria (DPR 27-03-1992)
  • Istituzione del Comitato Nazionale per la Bioetica (DPCM 28-03-90)

Nel 1991 ottiene dal Consiglio dei Ministri della Sanità della UE l’approvazione di un ordine del giorno per l’inserimento della politica sanitaria in Europa, successivamente recepita nel trattato di Maastricht.

 

Modalità di acquisizione

Donato dal Francesco De Lorenzo