Guerra e Dopoguerra. Ordine Interanzionale e Politica delle Nazionalità.

Libro a cura di Andrea Frangioni

Negli interventi raccolti in questo volume, risalenti agli anni dal 1917 al 1919, Francesco Ruffini espone le ragioni ideali della partecipazione alla prima guerra mondiale degli interventisti liberali e democratici: una concezione volontarista ed umanitaria della nazionalità (col recupero della figura di Mazzini) in contrapposizione alla concezione naturalistica e razzista ritenuta prevalente nella cultura tedesca (la contrapposizione che Federico Chabod renderà poi celebre); la difesa delle nazionalità oppresse e, in questo quadro, l’attenzione alla causa sionista; l’adesione al pensiero e alle idee di ricostruzione dell’ordine internazionale del presidente statunitense Wilson.

 

Editore: Rubbettino

Anno: 2007

cop (2)

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Politica, prevalgono le emozioni. 4 argomenti contro Sfogliamo i giornali, guardiamo la televisione, navighiamo sui social: è tutto un ricorrere della parola «emozione», tutto un invito a farci avvolgere, a dimenticare di pensare, a ...
La squadra dei ministri e il teatrino della politica Se fossimo in un casinò diremmo a Di Maio: «bien joué». Prima si è recato di fronte al Quirinale, poi ha inviato per mail a Mattarella la lista dei ministri, infine li ha presentat...
Promesse elettorali? Al confronto Cetto La Qualunque è un realista Intervista del Gazzettino a Davide Giacalone, in occasione dell'incontro che si terrà a Belluno sabato 20 gennaio alle 17.30 nella sala teatro del Centro "Giovanni XXIII", in piazz...
Partiti, la ricreazione è finita Per capire il perché della tanta confusione e della apparente inutilità di tutto ciò che i vari leader di partito hanno fatto e detto dal giorno dopo le elezioni del 4 marzo fino...