Rocco Andrea Versace

Manager nell’industria del petrolio e del gas

Classe 1979, nato e cresciuto a Roma; dopo gli studi classici, ha conseguito la laurea in Ingegneria Gestionale presso l’Università “La Sapienza”.

Dal 2005 lavora nel mondo dell’industria: ha mosso i suoi primi passi presso lo stabilimento produttivo del gruppo Antonio Merloni, in Emilia-Romagna.

Dal 2007 lavora nell’industria dell’Oil & Gas, in Toscana, presso il polo produttivo del Nuovo Pignone di Firenze, prima sotto il controllo della multinazionale General Electric e oggi parte del gruppo internazionale statunitense Baker Hughes. Grazie ad una costante formazione aziendale attraverso corsi di management e leadership del gruppo GE e dopo aver ricoperto importanti ruoli operativi in dipartimenti determinanti di entrambi i gruppi, oggi è senior manager dell’azienda, in area sales, specializzato in contratti internazionali di vendita di grossi impianti industriali, sofisticati macchinari e relativi servizi in tutto il mondo. Con dieci intensi anni di esperienza trascorsi nel mercato globale del Liquefied Natural Gas (LNG) gestendo progetti dei vari angoli del pianeta (dalla Russia, all’Africa, dal Medio Oriente al Nord America, dall’Australia all’Europa) e relazionandosi con importanti players del settore al livello internazionale, dal 2020 accresce la sua conoscenza e responsabilità nel mercato emergente dell’Energy Transition, con una particolare attenzione al segmento tecnologico del Carbon Capture.

Il suo background in ambito produttivo, finanziario, commerciale e contrattuale gli ha permesso di conoscere le dinamiche del business ed abbracciare l’evoluzione industriale. L’ampia esperienza internazionale ha consolidato il suo forte spirito europeista ed il suo approccio imprenditoriale orientato al mercato libero e globale.

Ha sviluppato, grazie alla sua professione, un triplice punto di vista, quello industriale, quello imprenditoriale e quello del lavoratore dipendente. Pertanto, interessato alla politica, all’economia ed alla tecnologia, è sensibile alle tematiche dell’industria, delle imprese e del lavoro.

E’ a favore delle politiche per una economia circolare ed una giusta transizione energetica, perché convinto che la tecnologia e l’industria rappresentino la soluzione migliore per la questione ambientale.

La sua personale esperienza lo ha reso così un tenace sostenitore dell’idea che la crescita dell’economia e della società non possano verificarsi senza una diffusa cultura nazionale fondata su meritocrazia, competizione, efficienza e produttività.

Da Novembre 2019 è il referente regionale della Fondazione Luigi Einaudi per la Toscana.

Da Gennaio 2020 è membro della Federmanager Toscana, associazione dei dirigenti delle aziende toscane.

Sposato e con tre figlie, vive e lavora a Firenze.