Scuola 2005 di Liberalismo di Roma – XXXIII

Periodo: 8 novembre 2005 – 26 aprile 2006

Iscritti: 46

Lezioni di: Luigi Marco Bassani, Cinzia Caporale, Fausto Carioti, Salvatore Carrubba, Raimondo Cubeddu, Benedetto Della Vedova, Ernesto Felli, Giorgio Ferrari, Valerio Filoso, Oscar Giannino, Ettore Gotti Tedeschi, Lorenzo Infantino, Carlo Lottieri, Antonio Masala, Alberto Mingardi, Giovanni Orsina, Gaetano Pecora, Angelo Maria Petroni, Fabrizio Ravoni, Carlo Stagnaro, Vincenzo Zeno-Zencovich e Valerio Zanone

Nuove ricette del capitalismo: libertà individuale, economia di mercato, sovranità nazionale e regole internazionali nell’età della globalizzazione.
Borsa dell’Istituto Bruno Leoni da € 1.000: Marco Parisi
Borsa della Fondazione Einaudi da € 750: Fabrizio Ladini
Borsa in memoria di Angelo Nizza da € 350: Diego Menegon

Liberismo, liberalismo, libertarismo non sono sinonimi. Almeno nella accezione italiana si tratta di modi diversi d’intendere l’idea liberale, con differenti priorità, da cui possono discendere comportamenti contraddittori e talvolta contrapposti.
Borsa della Fondazione Valitutti da € 750: Andrea Ciandri
Borsa in memoria di Angelo Nizza da € 350: Giuseppe Ssciasciae inoltre: Anna D’Agostino, Nico Pio Parnofiello, Giuseppina Tenore

La democrazia liberale (frutto di libertà, liberalismo, etica laica e nuovi diritti di cittadinanza) è un prodotto tipico dell’Occidente o può essere adottata dai popoli del mondo?
Borsa in memoria di Angelo Nizza da € 350: Gabriele Pizzetti
Borsa in memoria di Angelo Nizza da € 350: Giuseppe Volpe

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •