Pressione tributaria in Italia, ecco i numeri degli ultimi 20 anni

Pressione e gettito fiscali aumentati (ma non i servizi), pil sceso così come i posti di lavoro. Vuoi vedere che più tasse equivalgono a meno ricchezza? È quanto emerge dall’elaborazione da parte della Cgia Mestre dei dati sul fisco italiano nel periodo 1996-2016.

Prendiamo per esempio la pressione tributaria pro capite: nel 1996 era di 4.837 euro, nel 2016 di 8.173 euro. Una crescita del 69% a fronte della diminuzione dei redditi pro capite e del pil di oltre il 10%.

Crescono le entrate fiscali (negli ultimi vent’anni si registra un +80%) così come il numero delle tasse: la Cgia Mestre ne ha censite 100. A gravare sulle persone fisiche sono principalmente l’Irpef (33,7% gettito) e l’Iva (20,5%), mentre per quelle giuridiche sono l’Ires (31,9 miliardi incassati dallo Stato) e l’Irap (28,1 miliardi).

È indubbio, però, che il peso su cittadino e imprese italiani è dato dall’insieme delle imposte. Basti pensare che, nella zona euro, ci precedono per pressione tributaria solo Danimarca, Svezia, Finlandia e Belgio, che però hanno servizi migliori. 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Le aziende italiane pagano più di quelle Ue e Usa Da una recente analisi del Centro studi di Unimpresa, emerge come in Italia pressione fiscale a carico delle aziende e debito pubblico siano aumentati di più rispetto ai Paesi dell...
Terremoto, gli immobili non vanno oberati di tasse Il crollo di alcuni vetusti edifici, nel centro di Casamicciola, sfaldati in conseguenza di un terremoto di magnitudo modesta, dovrebbe far capire che gli immobili non sono solo un...
Bruxelles, il Superstato che non c’è Carlo Lottieri, dal Giornale del 31 agosto 2016 C'è davvero molto di spropositato nella multa che l'Unione europea, dopo tre anni di indagini, ha comminato all'Apple, non suffic...
Far guerra alla Svizzera? No, il nemico è il fisco Carlo Lottieri analizza il referendum ticinese Nelle scorse ore gli elettori ticinesi hanno scelto di approvare la proposta «Prima i nostri», che vuole porre un qualche rimedio ...