Post terremoto. Gli ostacoli alla ricostruzione

Siamo davvero in grado di costruire edifici sicuri? La risposta non è così scontata come gli eventi degli ultimi anni purtroppo dimostrano, a cominciare da quest’ultimo tragico terremoto. Eppure negli ultimi anni ci siamo entusiasmati per le città e le case intelligenti. Abbiamo giustamente ambito al futuro senza essere necessariamente preparati al presente. L’innovazione costante dei materiali, le tecniche di progettazione e costruzione sempre più sofisticate oltre all’esperienza millenaria hanno consentito di costruire opere straordinarie e di ridurre al minimo i rischi per la nostra sicurezza. Le agevolazioni fiscali e le assicurazioni antisismiche sono tra le tante proposte che circolano in questi giorni e che dovrebbero, se implementate dal Governo, incentivare la messa in sicurezza delle abitazioni che ancora non lo sono. Tutto questo non è sufficiente.

Le agevolazioni si applicano solamente a chi può permettersi di spendere, così come è stato per il risparmio energetico e le ristrutturazioni. Chi non ha le risorse non investe. Le tecniche e i materiali di costruzione valgono poco se non sono messi in pratica correttamente. Dovremmo chiedere all’ANCE e alle migliaia di imprese edili presenti sul territorio nazionale così come ai professionisti del settore edile, se davvero applicano a fondo tecniche e materiali. A fronte delle grandi imprese impegnate a livello globale nella costruzione di grandi opere, ci sono una moltitudine di imprese, solo poche delle quali hanno quel know-how. Quanti professionisti del settore affrontano il tema sicurezza con troppa leggerezza quando non con ignoranza? Costruire un edificio non è semplice, renderlo sicuro è ancora più difficile perché i fattori coinvolti sono molti. I cittadini non sono tenuti a conoscerli, si devono fidare delle certificazioni che ricevono. Paradossalmente un’auto o un’aspirapolvere nuova sono accompagnate da più specifiche tecniche di una casa. Il collaudatore è colui che certifica cioè che riconosce o meno la congruità alle norme antisismiche, ma valuta solo quel che vede e può verificare in corso o a fine opera. Egli giunge troppo spesso quando la costruzione è già ultimata. Il suo giudizio si ferma a pochi fattori. Le costruzioni sono come gli iceberg. Ne vediamo solo la punta. Prima del collaudo ci sono fasi molto importanti, l’indagine geologica, il calcolo delle strutture, la scelta e il controllo dei materiali, l’esecuzione e la direzione dei lavori. Ciascuna richiede un livello di professionalità molto alto, cioè sapere e competenze di cui non tutti sono provvisti.

La resa degli edifici dipende molto dalla qualità dei materiali, per esempio. Chi ci assicura che sono stati scelti quelli giusti o che nessuno ci ha speculato? Lo stesso vale per le tecniche. Ancora, quanti in cantiere controllano la zigrinatura dei ferri per conoscerne l’origine o la viscosità del calcestruzzo  con il cono di Abrams? Un buon geologo così come un architetto e un ingegnere tendono a sbagliare meno, scovando anche gli errori e le piccole furbizie delle cattive imprese. La buona impresa può aiutare il cattivo professionista a limitare gli errori. Ma insieme professionisti e imprese cattivi fanno il disastro. Il lavoro del costruttore o del muratore è stato poco considerato, perché per troppo tempo si è ritenuto che non necessitasse di competenze e conoscenze se non l’esperienza degli anni. Non può essere più così. Il muratore deve essere un operatore specializzato, un tecnico che si aggiorna di continuo e che innova, cosciente dell’importanza dei materiali che usa. Deve sapere collaborare con gli altri tecnici coinvolti. Gli italiani stanno nuovamente fornendo una prova di straordinario senso di solidarietà, ma faticano a dimostrare la medesima attenzione per la qualità del lavoro che svolgono. A volte è l’ignoranza, a volte l’eccessiva furbizia e l’ingordigia, a volte è semplicemente quella complicità amicale tra professionisti, imprese e acquirenti per cui tutto va bene e si possono chiudere gli occhi. Per la città intelligente ci vogliono tecnici e operai intelligenti e soprattutto responsabili.

Pietro Paganini, La Stampa del 3 settembre 2016

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Senza altre macerie Più grande è il dolore, maggiore la necessità di guardare avanti. Oramai si completa la contabilità delle vite umane. Troppe sono state perse. Molte sono state salvate. Si conferma...
Terremoto, gli immobili non vanno oberati di tasse Il crollo di alcuni vetusti edifici, nel centro di Casamicciola, sfaldati in conseguenza di un terremoto di magnitudo modesta, dovrebbe far capire che gli immobili non sono solo un...
A proposito del terremoto Noi italiani sappiamo produrre manifestazioni di solidarietà intensa. Lo facciamo nel dramma delle tragedie che ci colpiscono. E’ nella nostra cultura. Non sappiamo essere solidali...
#JeSuis Charlie sempre Anche se non ci piace Pierluigi Battisti,sul Corriere della Sera, interviene a proposito della vignetta sul terremoto che ha creato polemiche in Italia. #JeSuisCharlie anche se «Charlie Hebdo» pubbli...