Populisti

Populisti

Con “populismo” si pretende di identificare troppe cose, spesso opposte fra loro. La radice storica di questo movimento, ad esempio, non ha nulla a che vedere con il modo in cui il concetto è utilizzato oggi. Né ha molto senso usare “populista” al posto di “demagogo”, come vedo che si fa: demagoghi, come populisti, in questo modo, sono sempre gli altri che la pensano diversamente da me.

Quando si usano le parole in modo confuso è segno che si hanno le idee confuse. Sicché ho deciso di non usarla mai, la definizione di “populista”. Non definisce nulla, quindi mi è inutile. Eppure quel sentimento esiste, come ne esistono gli interpreti, è diffuso nel mondo, sembra essere crescente. Con quale concetto si può definirlo?

Propongo: rifiuto. C’è un fronte del rifiuto, con cui si devono fare i conti. Una moltitudine in fuga dalla realtà e dalla modernità. Un rifiuto che colpisce la globalizzazione, ma, al tempo stesso, ne è uno dei prodotti culturali, perché quel rifiuto è globalizzato.

Il fronte del rifiuto non è né di destra né di sinistra, è reazionario. Nel senso letterale: si fonda su una reazione. Non importa se le varie reazioni sono coerenti fra loro, importa che si sorreggano a vicenda. Il minimo comun denominatore è la convinzione che fosse migliore il tempo di prima.

Serve a nulla scodellare i numeri che dimostrano l’ovvio: il mondo è più ricco, più aperto, viviamo più a lungo e in maggiore salute. Serve a niente, perché quel mondo mi ha messo paura, quindi reagisco rifiutandolo.

Vedo arrivare molti immigrati? Ricordo con rimpianto quando le frontiere erano chiuse. Ma quando, erano chiuse? È possibile avere una data, un’epoca, qualche punto di riferimento? Se scavi scopri che erano chiuse quando eravamo in guerra, sicché crepavamo di nostro, facendo la fame. O lo erano quando erano in guerra gli altri e crepavano di fame, consentendomi di sentirmi buono nel commuovermi per la loro sorte, vivente e morente lontano da me.

Vedo in giro molti disoccupati? Penso che una volta non era così. Una volta quando? Perché il disoccupato odierno, nel nostro mondo, è un re dei consumi, rispetto non solo a un disoccupato, ma anche a un occupato di qualche tempo addietro. Ma l’economia contadina sapeva che il lavoro aumenta il prodotto e placa la fame, mentre l’economia post industriale pensa che il lavoro sia un bene predefinito, sicché forze malvage ne amministrano la distribuzione.

Solo in un’economia che ha divorziato dal prodotto si possono sentire affermazioni del tipo: lavorare meno per lavorare tutti. Nell’economia contadina ti avrebbero suggerito di non eccedere con il fiasco. Fatto è, comunque, che l’industrializzazione ha portato con sé la piena occupazione, mentre il tempo ha cancellato dalla memoria quanto quella condizione fosse considerata tipica degli sfruttati e dei costretti a lavori ripetitivi e, come si diceva, “alienanti”.

Ora si vuole il coinvolgimento di allora, senza il lavoro di allora e senza i salari di allora. Soprattutto senza il mondo di allora, ma con il mondo di oggi. La globalizzazione rende ciò ridicolmente impossibile? E allora sono contro la globalizzazione. Reagisco, rifiuto. Il resto, realismo e realtà compresi, non sono affar mio. Allo stesso modo si recuperano i miti delle forze occulte che guidano e dominano le nostre vite, pronti a usare questo schema anche quando si parla di vaccini. Dimostri che i vaccini hanno salvato la vita a immense moltitudini? Ti rispondono che sei venduto e vuoi negare l’esistenza della morte.

Un tempo esistevano le contrapposizioni ideologiche, vere e proprie fedi che della ragionevolezza avevano poco, ma consentivano letture colorate del mondo, creando comunità di fedeli. Gli stessi che allora erano contro il mercato, il capitalismo e l’occidente oggi sono contro la globalizzazione e popolano il fronte del rifiuto. Gli stessi sentimenti, ma in molti casi proprio le stesse persone, le stesse correnti. Non è un caso che, in Europa, ci trovi gente che in gioventù fu fascista o comunista. Taluni, appunto, essendolo anche rimasti.

Gli interpreti di questi sentimenti si sono sempre trovati e sempre si troveranno. Prima che esistesse google maps vi sarà capitato di trovarvi in viaggio con altri e arrivare al momento in cui non è più chiaro dove ci si trova e da che parte si deve andare: due o tre si concentrano sulla mappa, gli altri stanno dietro a dire che ci siamo persi, che non saremmo dovuti arrivare fin lì, che loro l’avevano detto. Inutili sarebbe niente: nocivi e debilitanti. Ma esistono. Ed esisteranno. Il fatto è che non solo sono capaci di farsi del male, ma anche di farlo.

Per questa ragione ritengo che serva a niente bollare tali sentimenti di “populismo” per irriderli o inorridirne. Il problema è un altro: la globalizzazione è cresciuta, è un bene, ma ha covato squilibri con i quali fare i conti. Ci siamo un po’ persi, insomma, sicché ci si deve concentrare sulla mappa, sperando che i malmostosi inutili non si distraggano con trastulli troppo pericolosi. 

Davide Giacalone, Il Giornale 9 febbraio 2017

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Le ragioni per definirsi ancora «europeisti». L’ultimo libro di Davide Gia... All'indomani del sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, mentre il modello che ha ispirato quel progetto è diventato un bersaglio su cui troppi sparano, Viva l'Europa viva ...
Fidel Castro, Il caudillo che piaceva alla gente che piace Un caudillo nazionalista che vestì i panni del comunista, per fondare e reggere la più longeva dittatura latinoamericana. Poi consegnata nelle mani del fratello. La cosa più intere...
Spinello non è bello Se fumare gli spinelli fosse un diritto civile e un’espressione di libertà, occorrerebbe liberalizzarli. Non legalizzarli, che serve a nulla ed è un’ingannevole ipocrisia. Resto al...
Lavoro ai richiedenti asilo. Purché sia vero Piuttosto che lasciarli a ciondolare, meglio mettere i richiedenti asilo a lavorare. Meglio per loro, perché la nullafacenza è umiliante. Meglio per quanti li vedono passeggiare, p...