Opere pubbliche: in Italia 8 anni vanno via per la burocrazia

Un’opera di medio-grandi dimensioni in Italia? Occorono in media 15 anni e 9 mesi. 45,7% il tempo (poco più di 7 anni) speso per la “fase effettiva” (progettazione, gare e lavori), 54,3% il tempo medio (8 anni e mezzo) perso nell’inerzia burocratica fra una fase e l’altra. È quanto emerge da uno studio del Nucleo di veriifca e controllo (Nuvec) della Presidenza del Consiglio sui tempi di realizzazione svolto su un monitoraggio di 56 mila opere. Abbiamo chiesto un commento a Davide Giacalone.

“Siamo per caso tutti matti? Perché mai esiste una tale follia burocratica, capace di devastare tempo e denaro? Sani non siamo, ma sarà bene capire il senso del guasto. Tanta burocrazia nasce dall’idea che si possa controllare tutto e difendere la pubblica amministrazione da ogni abuso o ruberia. Una specie di medicina preventiva che ha lo stesso effetto che avrebbe lo sterilizzare un ambiente e farci vivere dentro la persona che si vuole preservare: appena entra uno spiffero s’ammala e forse crepa. Tanta burocrazia preservante finisce con l’essere una buona ragione di corruzione: non vorrai mica aspettare così tanto?

Ma c’è di più: se la corruzione reato si configura come uno scambio fra utilità personale e agevolazione procedurale, c’è anche la corruzione istituzionale, quella per cui quando una cosa si deve per forza e veramente farla si nomina subito un commissario straordinario, in modo da derogare alle regole che si erano scritte. Regole con le quali non si riesce a far nulla in tempi e con costi decenti.

La malattia, quindi, non è la burocrazia in sé. Quella è la conseguenza. La malattia è la pretesa di esercitare il potere senza portarne la responsabilità. Il che genera, coerentemente, intere legioni d’irresponsabili. Tutto, naturalmente, in conto al contribuente.

Condividi
  • 100
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Libretto di famiglia, l’inferno burocratico è servito Mesi fa, quando abolirono i voucher, scrivemmo in questa zuppa della follia che si stava commettendo. Più burocrazia, più costi, e certamente più evasione. Quest'ultima non si c...
Lo Stato si affidi ai cittadini e non a regioni o province "Gli americani di tutte le età, condizioni e tendenze, si associano di continuo. Non soltanto possiedono associazioni commerciali e industriali, di cui tutti fanno parte, ne hanno ...
La politica vittima delle burocrazie Perché nessuno fra gli impegnati nella campagna elettorale parla del fatto che la politica rappresentativa pesa oggi molto meno, esercita molto meno potere, delle burocrazie ammi...
Altro che mega riforme: serve uno Stato leggero contro i burocrati Alcune proposte per un ripensamento radicale del ruolo della macchina amministrativa, il principale ostacolo alto sviluppo. II caso di Venezia e l’esempio delta costituzione americ...