Massimo pericolo

Massimo pericolo

Siamo arrivati a questo punto per responsabilità dell’intera classe dirigente, capace solo di assecondare la demagogia con la quale si è drogato il dibattito pubblico e ingannati i cittadini. Dalla metà del 2012 vado ripetendo che il tempo comprato dalla Banca centrale europea sarebbe finito e che sprecarlo era un delitto. Siamo rimasti pochi e isolatissimi, ad avvertire.

Qui siamo arrivati perché da destra e da sinistra, da Berlusconi a Renzi, non hanno saputo far altro che reclamare più spesa pubblica, più deficit e più debito, per un Paese malato di troppa spesa pubblica, troppo deficit e un debito pazzesco. Pentastellati e leghisti, come avvertivamo, non erano e non sono il cambiamento, ma la continuità. Peccato che faccia a cazzotti con le regole dell’economia e con il buon senso.

Ora dicono ai cittadini che essi devono reclamare la loro sovranità. Se votano compatti contro la forza di gravità pensano di potere volare o avvertono che lanciandosi dalla finestra ci si schianta? La sovranità si esercita con scelte razionali fra alternative praticabili, il resto è demagogia da politicastri irresponsabili e incapaci.

Dicono: non abbiamo mai detto che si voleva uscire dall’euro. Imbroglioni: se rinneghi anche il niente che è stato fin qui fatto, se traduci l’orrida e miserevole gnagnera dell’elasticità renziana in affermazione perentoria che farai debito ulteriore e ne farai moltissimo, quali credi che siano le conseguenze? Chi se ne frega, rispondono, perché il popolo sovrano decide e può anche rinnegare quel debito, o svalutarlo tornando a battere la moneta dei poveri. Sicuro. Peccato che 120 miliardi e 500 milioni siano in tasca ai privati italiani. Il 68% è dentro i confini nazionali. E anche a voler far finta di non sapere che non pagare i debiti contratti con altri è una dichiarazione di guerra finanziaria, che verrà ripagata con speculazione e fuga di capitali, resta il fatto che con un approccio di tal genere falliscono le banche, dove si trovano i soldi degli italiani che li hanno guadagnati lavorando.

Non solo: i soldi si muovono. Anche quelli delle famiglie. I poveri saranno fottuti, perché inerti. Chi ha disponibilità e competenze può, del tutto legalmente, esportare capitali e attendere lo sfascio, così divenendo più ricco che 20-30%. In poco tempo del 40. Ciò genera debiti delle banche da cui i soldi scappano verso le altre banche, europee e mondiali, dove approdano. E quei debiti non li svaluti. Per non fa chiudere le banche dovrai nazionalizzarle, mettendo le perdite in conto al contribuente, che sarà più tassato, più povero e più indebitato. Quel che scrivi nel programma è ininfluente e ridicolo, perché basta leggere quel che vuoi fare per dedurne cosa succederà.

La colpa, ripeto, è di una classe dirigente che ora applaude con calore il governatore Visco, ma non s’è spesa in influenza e non ha speso un euro per sostenere idee diverse e responsabili. La miserrima politica che ci troviamo ad avere è figlia della miserabilità di quella classe dirigente. Come anche della disposizione popolare a credere a cartomanti, imbroglioni, incompetenti, irresponsabili.

Ecco, se volete prendetevela con qualche nemico esterno, tanto è sempre questa la tattica dei cialtroni. Ma non servirà a nulla, se non ad animare qualche dibattito fra demagoghi.

La via d’uscita c’è, eccome. Ma comporta, da parte di tutti, dei cittadini per primi, del ritorno alla ragionevolezza e alla responsabilità. Senza cui neanche esiste la libertà.

Davide Giacalone, 30 maggio 2018

Condividi
  • 1
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Crisi istituzionale, facciamo chiarezza Ciascuno ha il dovere della chiarezza, come di misurare i toni. La Repubblica ha vissuto momenti di alta tensione istituzionale (quelli del “mai come ora”, per lo più, non hanno ma...
Perché il rating fa più paura dello spread Purtroppo la peggiore delle mie previsioni si è avverata. Oramai siamo giunti sull'orlo del baratro, oltre cui non possiamo andare, se vogliamo evitare il commissariamento tipo Gre...
Deflazione e spread: l’Italia è ancora al palo In ottobre l'economia italiana è tornata in deflazione e i dati definitivi, comunicati dall'Istat, sono peggiori di quelli provvisori. I prezzi al consumo sono diminuiti di 0,1 su ...
Partiti, la ricreazione è finita Per capire il perché della tanta confusione e della apparente inutilità di tutto ciò che i vari leader di partito hanno fatto e detto dal giorno dopo le elezioni del 4 marzo fino...