Legittima continuità

Due cose mi pare utile premettere, poi ci dedicheremo al giorno dopo giorno del prossimo governo.

1) Dal 1994 andiamo avanti sostenendo che i vincitori elettorali sono dei pericolosi imbroglioni, sicuri attentatori della legittimità costituzionale. La cosa più grave successa, però, è che non è successo nulla di serio. Se il vincitore era Berlusconi vai con la corruzione dei votanti, l’uso criminale dell’informazione, l’acquisto delle maggioranze. Se i vincitori erano a sinistra vai con i complotti, le trame giudiziarie, l’asservimento ai poteri occulti. Tutta roba (anche reale) che è servita a far finta di non vedere che gli italiani votavano uno e poi, delusi, votavano l’altro. Finché si sono esauriti.

Ecco, evitiamo di ricascarci: la vittoria del M5S e della Lega è legittima e, assieme, hanno la maggioranza dei parlamentari. Lascia fare che avevano detto non si sarebbero mai alleati e che le contraddizioni saranno contate a decine, ma il governo che nasce è la fotografia dell’Italia. Ed è questa la cosa più preoccupante: non c’è trucco non c’è imbroglio, quella è l’Italia di oggi.

2) Proprio per questo il governo nascente è in totale continuità con la gran parte di quelli che sono venuti prima. Il programma è statalista e spendarolo. Come il Renzi dei pugni battuti, come il Berlusconi della doppia moneta, questi sono convinti che più spesa, più deficit e più debito, quindi più Stato, faranno bene all’Italia. Io sono convinto dell’opposto, ma non è un caso che ci si trovava distanti anche dagli altri.

La continuità è rotta su un punto: il centro destra e il centro sinistra pretendevano di volere più deficit e più debito nel mentre proclamavano l’adesione ai principi dell’Unione europea, il che era contraddittorio; i novelli continuatori vogliono la stessa cosa, ma insultando i principi dell’Ue, il che è coerente, ma suicida. I primi hanno provato a ingannare la realtà, i secondi la negano. I primi hanno preparato il terreno ai secondi, i secondi hanno tolto il terreno da sotto i piedi dei primi.

Queste sono le due cose. Il resto lo vedremo. E non sarà un bello spettacolo.

Davide Giacalone, 21 maggio 2018

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

3 cose e 1/2 sul nuovo governo I governi si giudicano da quello che fanno. Il tempo del prima e quello del durante sono diversi, solo dopo si potrà stabilire chi aveva visto giusto e se le cose annunciate sono s...
Massimo pericolo Siamo arrivati a questo punto per responsabilità dell’intera classe dirigente, capace solo di assecondare la demagogia con la quale si è drogato il dibattito pubblico e ingannati i...
Partiti, la ricreazione è finita Per capire il perché della tanta confusione e della apparente inutilità di tutto ciò che i vari leader di partito hanno fatto e detto dal giorno dopo le elezioni del 4 marzo fino...
La crisi istituzionale? Una guerra che lascerà macerie… Sono diversi gli elementi che sfuggono a qualsiasi logica, costituzionale e politica, nelle vicende che hanno portato domenica sera alla bocciatura del governo Conte e alla quasi c...