Le tesi

Le tesi

Le tesine delle ragazze e dei ragazzi delle Scuole di Liberalismo sono tutte conservate nell’archivio degli Amici della Fondazione Einaudi. Dal 2002 si è deciso di mettere su internet e rendere pubbliche quelle che sono state giudicate in assoluto le migliori.

  • Chiara Abbadessa  – Scuola 2002 di Liberalismo di Napoli (borsa della Fondazione Cortese da 1000 euro)
    “Lo Stato del benessere (Welfare State) è nato in un contesto di economia di mercato per poi trasformarsi in assistenzialismo: osservazioni su passato e analisi del presente”

  • Pietro Borsano  – Scuola 2012 di Liberalismo di Torino (borsa “Giuliano Gennaio” della Fondazione Einaudi da € 750)
    Miseria delle tecnocrazia. E cioè: le vicende, non soltanto italiane, di questi ultimi mesi ci inducono a riflettere sul rapporto tra politica e governo dei tecnici. Che ruolo sono chiamati a ricoprire i cosiddetti “esperti” all’interno delle democrazie rappresentative? Esaminare la questione in una prospettiva storica e politologica.

  • Ombretta Caldarice – Scuola 2011 di Liberalismo di Torino (borsa “Giuliano Gennaio” della Fondazione Einaudi da € 750)
    Pianificazione Urbanistica tra Regola e Libertà-un’applicazione della teoria nozickiana dei diritti alla città contemporanea

  • Gustavo Cevolani – Scuola 2005 di Liberalismo di Bologna (borsa della Fondazione Einaudi da 1000 euro)
    “Liberismo, liberalismo e libertarismo non sono sinonimi. Almeno nell’accezione italiana si tratta di modi diversi d’intendere l’idea liberale, con differenti priorità, da cui possono discendere comportamenti contradditori e talvolta contrapposti”

  • Giovanni Collina  – Scuola 2004 di Liberalismo di Napoli (borsa della Fondazione Cortese da 1000 euro)
    “Liberismo, liberalismo, libertarismo non sono sinonimi. Almeno nell’accezione italiana si tratta di modi diversi d’intendere l’idea liberale, con differenti priorità, da cui possono discendere comportamenti contraddittori e talvolta contrapposti”.

  • Anna Di Bello  – Scuola 2008 di Liberalismo di Napoli (borsa della Fondazione Cortese da 1000 euro) La libertà come affermazione dell’individuo. Correnti di pensiero e autori che hanno contribuito allo sviluppo del liberalismo

  • Luca Fascio – Scuola 2007 di Liberalismo di Torino (borsa della Fondazione Einaudi da 1000 euro)
    Il Partito liberale nel secondo dopoguerra: storia di una “eclissi politica”.  Dalla Resistenza alla segreteria Malagodi

  • Saro Freni – Scuola 2010 di Liberalismo di Roma (borsa della Fondazione Einaudi da 1000 euro)
    Ci sentivamo una nazione, divenimmo uno stato. Cosa rimane oggi del risorgimento liberale. Considerazioni e prospettive a 150 anni dall’Unità d’Italia

  • Lucilla Guidi – Scuola 2008 di Liberalismo di Roma (borsa dell’Istituto Bruno Leoni da 1000 euro)
    “Dal diritto di esprimersi a quello di essere informati, dal pluralismo alla par condicio, dal monopolio Rai all’oligopolio televisivo mentre vanno affermandosi i nuovi media. Considerazioni sulla libertà di stampa e di antenna”

  • Cosimo Presta  – Scuola 2002 di Liberalismo di Bari
    (borsa della Fondazione Einaudi da 750 euro)
    “Stato sociale e Stato assistenziale alla luce del pensiero e della scuola economica liberali.”

  • Andrea Promentino  – Scuola 2005 di Liberalismo di Napoli (borsa della Fondazione Einaudi da 1000 euro)
    “Libertà, liberalismo, etica laica e nuovi diritti di cittadinanza “

  • Francesco Salimbeni  – Scuola 2002 di Liberalismo di Roma (borsa in onore di David Tagliacozzo da 750 euro)
    “Vecchi e nuovi attentati alla libertà. A scuola, in chiesa, nei tribunali, nel posto di lavoro, nei media… In Italia e fuori.”

COMMENTI