Italicum (ud. Consulta 4 ott. 2016): qui la memoria dei ricorrenti

Da questa mattina sul sito della Fondazione Einaudi sono presenti la memoria illustrativa delle ragioni dei ricorrenti, depositate ieri in Corte Costituzionale nel giudizio incidentale di legittimità sulle questioni sollevate dal Tribunale di Messina e Torino sulla nuova legge elettorale.

Il documento dei ricorrenti, muovendo da alcune considerazioni preliminari, in tema di censurabilità delle leggi elettorali, di sovranità popolare, di diritto di voto, delle sue caratteristiche e dei suoi effetti (pagg. 4-12)

  • afferma, in via generale, l’esistenza delle condizioni dell’azione, in tema di interesse ad agire dei ricorrenti e ammissibilità e rilevanza delle q. l. c. all’esame (pagg. 12-28);
  • illustra le sei questioni di legittimità costituzionale, valutate come non manifestamente infondate dal giudice remittente (pagg. 28-100), e in particolare: C.1: rappresentanza territoriale (pagg. 28-37),; C.2: rappresentanza democratica (pagg. 38-67); C.3: capilista e pluricandidature (pagg. 67-83); C.4: soglie d’accesso al Senato a Costituzione ancora vigente (pagg. 83-86); C.5: applicabilità dell’italicum a Costituzione ancora vigente per il Senato (pagg. 87-100);
  • prospetta un’istanza di autorimessione per il primo motivo di ricorso in tema di incostituzionalità dell’iter legislativo della L. 52.2015, non recepita dal Tribunale (pag. 100-135);
  • conclude, da ultimo, con una finale riflessione sulla mutazione ontologica della forma di Stato attraverso l’uso improprio di una legge ordinaria (v. pagg. 135-152).

Qui la memoria dei ricorrenti

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Legge elettorale: è un pasticcio, nuove regole Il senso della sentenza costituzionale è: volendo, si può votare anche subito. Il tempo impiegato, superiore alle previsioni della Corte stessa, non riflette una discussione dottri...
Dal ’48 ai «101» di Prodi Anatomia del franco tiratore che si esalta affossando... Il trionfo del franco tiratore è quando sente che ci sono tanti franchi tiratori insieme a lui: un cecchino, alla fine muore, ma tanti cecchini determinano le sorti di una battagli...
Che senso ha cambiare una legge per paura che vinca il tuo avversario? Legge elettorale e possibilità di riforma: il Presidente Benedetto, rifacendosi alla predilezione di Luigi Einaudi per i piccoli collegi, analizza su Il Foglio la proposta della re...
Legge elettorale, errare humanum, perseverare diabolicum! Del c.d. “rosatellum-bis” ho già affrontato il merito nel mio precedente articolo su NON MOLLARE del 2 ottobre, prima che fosse approvato dalla Camera, e non c’è granché in più da ...