Guerra e Dopoguerra. Ordine Interanzionale e Politica delle Nazionalità.

Libro a cura di Andrea Frangioni

Negli interventi raccolti in questo volume, risalenti agli anni dal 1917 al 1919, Francesco Ruffini espone le ragioni ideali della partecipazione alla prima guerra mondiale degli interventisti liberali e democratici: una concezione volontarista ed umanitaria della nazionalità (col recupero della figura di Mazzini) in contrapposizione alla concezione naturalistica e razzista ritenuta prevalente nella cultura tedesca (la contrapposizione che Federico Chabod renderà poi celebre); la difesa delle nazionalità oppresse e, in questo quadro, l’attenzione alla causa sionista; l’adesione al pensiero e alle idee di ricostruzione dell’ordine internazionale del presidente statunitense Wilson.

 

Editore: Rubbettino

Anno: 2007

cop (2)

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Una tregua politica sul tema dei vaccini Gentili politici di ogni genere e colore, una sola cortesia: piantatela con questa grottesca guerra dei vaccini. Voi dei Cinque Stelle smettete di fare una bandiera della paura ass...
Parte La Marianna Fisco, lavoro e politica estera sono tra i temi principali che verranno affrontati sabato 17 e domenica 18 settembre a Roma, presso il Centro congressi Cavour, nell’incontro promos...
I liberali in politica Lezione di Stefano De Luca promossa nell'ambito della Scuola di Liberalismo 2016 di Roma - CIII edizione (10 marzo 2016) Sono intervenuti: Saro Freni (coordinatore della Scuola ...
La crisi del sistema politico italiano e il Sessantotto Libro a cura di Giovanni Orsina, Gaetano Quagliariello Lo si è voluto chiarire fin dal titolo: questa non è una ricerca sul Sessantotto. È uno studio su come il sistema politico...