Gli italiani? Vogliono il posto fisso

Gli italiani? Vogliono il posto fisso

Gli italiani vogliono il posto pubblico. È quanto emerge da un sondaggio Swg. A un campione di italiani maggiorenni è stato chiesto «quale dei seguenti lavori vorrebbe fare maggiormente partendo da quelle che sono le sue reali competenze». Era possibile dare tre risposte: il sondaggio ha visto trionfare con il 28% l’impiegato pubblico, seguito con il 12% dall’insegnante. Abbiamo chiesto a Davide Giacalone, un commento in merito.

Il risultato del sondaggio è coerente con la proiezione politica dell’Italia. Fin troppo. Scarsissima, per non dire assente, fiducia che il merito sia premiato, sicché diminuiscono i già pochi che avrebbero voluto fare gli imprenditori o i commercianti. Impennata di quelli che aspirano al posto pubblico. Magari si ride quando ne parla Checco Zalone (grande film realista), ma poi si torna seri e lo si sogna.

Perché?

Perché è una protezione, un modo per assicurarsi un reddito senza affrontare il mercato.

Dunue, nel 2018, siamo ancora un po’ statalisti e allergici al mercato?

Questo è il punto: il vento soffia nelle vele di chi promette protezioni, contro il mercato. Solo che quelle promesse di protezioni sono certezze di sconfitta e impoverimento.

Ma è così difficile da capire?

Lo capiscono tutti, giacché aumentando i costi pubblici e mettendo tutti a riparo dello Stato, con più sussidi e più pensioni, non si aumenta la ricchezza prodotta e cresce solo l’arretramento redistribuito. Lo capiscono tutti, ma non ha importanza, quel che conta è sistemare sé stessi. Che esista un interesse collettivo è considerata favola per allocchi. Triste sorte, però, tocca a chi crede siano allocchi quelli che puntano su meriti e qualità. Triste Paese quello in cui la paura di fallire supera la voglia di riuscire.

 

 

Condividi
  • 185
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Lo Stato si affidi ai cittadini e non a regioni o province "Gli americani di tutte le età, condizioni e tendenze, si associano di continuo. Non soltanto possiedono associazioni commerciali e industriali, di cui tutti fanno parte, ne hanno ...
Lo Stato è invadente, non i social Tutta questa apprensione per le intrusioni di Facebook nella nostra vita, sulle industrie malvagie che ci rubano subdolamente i post con i gattini per venderci cibi per animali, ...
Daspo e agente infiltrato, perché le norme anti-corrotti sono inefficaci Il progetto, l’ennesimo, per una “definitiva” lotta alla corruzione, è dunque in cantiere: gli arnesi sono sempre gli stessi: nuovi reati e pene più severe; con l’aggiunta del Dasp...
Lo Stato occupa il mercato e lascia a secco le imprese, 7 dati da sapere L'ultimo studio della Cgia di Mestre offre una rappresentazione drammatica del rapporto tra aziende e Stato. Troppi fornitori costretti a lavorare per la Pa, che se ne approfitta. ...