Che senso ha cambiare una legge per paura che vinca il tuo avversario?

Legge elettorale e possibilità di riforma: il Presidente Benedetto, rifacendosi alla predilezione di Luigi Einaudi per i piccoli collegi, analizza su Il Foglio la proposta della revisione dell’Italicum proposta dalla sinistra-dem.

Leggi l’articolo

2016072133731248

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Legge elettorale, errare humanum, perseverare diabolicum! Del c.d. “rosatellum-bis” ho già affrontato il merito nel mio precedente articolo su NON MOLLARE del 2 ottobre, prima che fosse approvato dalla Camera, e non c’è granché in più da ...
Legge elettorale, non esistono quelle buone o cattive Non esistono leggi elettorali buone o cattive in sé, ma coerenti o meno con il sistema istituzionale nel quale operano. Pensare di adottarne una sperimentata altrove e supporre di ...
Legge elettorale: è un pasticcio, nuove regole Il senso della sentenza costituzionale è: volendo, si può votare anche subito. Il tempo impiegato, superiore alle previsioni della Corte stessa, non riflette una discussione dottri...
“Caro Stella, a distanza di un quarto di secolo, condivido ancora quelle m... Doppio turno con ballottaggio per i sindaci? Non sarà perfetto, ma funziona Una polpetta lanciata «alla muta dei cani affamati di vere riforme». Così nel luglio 1992 il liberale G...