Centrodestra, piccoli borghesi e…. vacanze

Il Centro Destra dovrebbe ancora rappresentare la borghesia. E come tutti i piccoli borghesi ad agosto chiude per ferie e si rimanda tutto a fine Settembre. Per il vero è da almeno due anni che è in vacanza, almeno intellettuale. Non ci giunge una proposta seria di politica economica da troppo tempo. La paura è che dopo l’entusiasmo per la Convention parisiana tutto si annebbierà ancora una volta sotto gli effetti devastanti della campagna referendaria. Anche il PD non sta meglio. D’altronde è anch’esso diventato piccolo borghese e la minoranza ribelle è indecisa se restare operaia o cadere nelle tentazioni del minuto uomo di mezzo.

I vacanzieri del Centro Destra hanno perso l’ennesima occasione ieri, quando un gruppetto di pensatoi Liberali molto agguerriti, Competere, Fondazione L. Einaudi e Istituto Bruno Leoni, hanno presentato l’Indice Internazionale per i Diritti di Proprietà. Lo fanno ogni anno come parte della Property Rights Alliance di Washington D.C. per dimostrare la correlazione tra tutela della proprietà e capacità di fare innovazione. È evidente che forze politiche attente alle libertà individuali e di iniziativa e quindi alle imprese e agli imprenditori si sarebbero interessate della cosa. In un contesto di mercato globale e di regole globali le imprese possono competere e quindi crescere e portare a casa risorse, se sono in grado di valorizzare e tutelare quello che producono.

A casa le regole oggi ci sono finalmente, vanno migliorate ma funzionano. Il problema è che vengono applicate poco e male. Si vedano i numeri sulla contraffazione.
Difendere le imprese è di Centro Destra, anche ad Agosto. Si sostengono anche aiutandole a formarsi. Le nostre PMI non sono dotate di un management spesso non preparato. Qui una proposta di Centro Destra sulla formazione ci starebbe bene. Sul mercato globale le regole non ci sono e le poche esistenti non sono rispettate. Le nostre PMI soffrono la competizione selvaggia di chi copia e replica. Le grandi multinazionali hanno risorse e strumenti per difendersi, le nostre PMI no.

Nell’edizione 2016 dell’Indice l’Italia si colloca al 50° posto, guadagnando una posizione rispetto al 2015, ma perdendone 10 rispetto al 2014. Siamo ancora lontani dai paesi che innovano e meglio competono come Svizzera, Svezia, Finlandia, Hong Kong, Lussemburgo, etc. Siamo anche lontani dalla Germania, dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna, ma anche dalla Francia.
Mi sarei aspettato, se non una proposta per le PMI e gli imprenditori, almeno una una qualche reazione coraggiosa, anche populista, contro questo Governo che per altro, sulla tutela della proprietà sta investendo con merito. Invece no. Il piccolo borghese è in vacanza. Ai seggi l’ardua sentenza.

Pietro Paganini, Affari Italiani

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

La rinascita di Silvio Berlusconi farà risorgere l’antiberlusconismo? La rinascita politica di Silvio Berlusconi farà rinascere anche l’antiberlusconismo? In parte, certamente sì, ma forse solo in parte. Perché sono cambiate le circostanze. All’ep...
Se la proprietà privata è ancora nel mirino L'incredibile vicenda dell'albergo quattro stelle requisito dallo Stato per ospitare i migranti, e non si tratta di un caso isolato, non deve sorprendere. L'hotel Cristallo di Cast...