Sondaggio FLE referendum costituzionale, oltre 19.000 votanti!

A mezzanotte del 18 novembre – 15 giorni prima della giornata elettorale – si è concluso il “sondaggio” della Fondazione Luigi Einaudi sul referendum costituzionale.

Ecco il risultato finale:

: 47.4% (9.026 Voti);

NO: 49% (9.339 Voti);

Non so3.6% (78 Voti).

I partecipanti sono stati dunque oltre 19.000.

Vince il NO, ma con uno scarto veramente minimo (313 voti). 

Probabilmente, come sottolineato da diversi analisti in questi giorni, saranno decisivi gli indecisi. O forse no. È già tutto deciso. Lo sapremo tra pochi giorni.

La Fondazione, come è noto, ha deciso di non schierarsi, anche per rispetto dei tanti amici che militano in fronti oggi avversi, ma ha comunque partecipato attivamente al dibattito e, per certi versi, lo ha promosso.

Siamo convinti che il mondo continui anche oltre il 4 Dicembre 2016 e a dopo quella data diamo appuntamento.

Intanto, come anticipato, nei prossimi giorni i dati analitici del sondaggio (chiuso a mezzanotte di venerdì) saranno resi noti e commentati dai dirigenti della FLE.

Grazie.

2016-19-11-10-10-10

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe interessare anche:

Fai valere le tue ragioni e vota Prosegue il test sul referendum costituzionale del prossimo autunno nella home page del nostro sito. Ancora vanti il Sì, ma in recupero il No. Vai nell'apposito box e fai valere...
Referendum: la società dello spettacolo espugna i costituzionalisti Attori e comici occupano il fronte e diventano testimonial pro o contro le riforme: il punto di vista di Pierluigi Battista Oramai è diventata una mania, e sui social già si sch...
Campagna referendaria, la lunga lista delle gaffe La peggiore campagna elettorale mai conosciuta in Italia in epoca repubblicana? Certamente la più lunga, estenuante, sfibrante. Inevitabilmente ripetitiva, bisognosa di additivi em...
Un Paese in freezer fino al 4 dicembre Che si tratti di politica, di affari o di altro, si finisce con il dirsi: vediamoci dopo il 4 dicembre. È diventata una gag. Dalle parti del governo hanno dovuto ammettere che è st...