Addio a Giovanni Russo, voce del Mezzogiorno

Addio a Giovanni Russo, voce del Mezzogiorno

Nella serata del 25 settembre è morto Giovanni Russo (1925-2017), giornalista, scrittore e commediografo italiano.

La vita di Giovanni Russo, infaticabile scrittore e giornalista, si è tutta svolta sotto il segno di una missione: il riscatto del Mezzogiorno. In un’Italia divisa fra “due chiese”, come egli diceva, e cioè la comunista e la clericale, egli ha mostrato come solo un meridionalismo laico e liberale che guardasse all’Occidente  potesse segnare la via del  riscatto.

Ha criticato fortemente il meridionalismo piagnone e vittimista; ha ingaggiato una lunga lotta contro la burocrazia e l’assistenzialismo delle “cattedrali nel deserto”; ha descritto il Sud dei “baroni” e quello dei “contadini” con l’intuito dei grandi narratori e la semplicità dei grandi giornalisti.

Affrontava con leggerezza anche gli argomenti più seri: un po’ come quell’Ennio Flaiano, che conobbe giovanissimo nelle stanze de “Il Mondo” che fu sempre il suo punto di riferimento intellettuale insieme a pochi altri numi tutelari (Benedetto Croce, Giustino Fortunato, Guido Dorso, Mario Pannunzio).

Per saperne di più, clicca qui.

La Fondazione Einaudi coglie l’occasione per esprimere le più sentite condoglianze alla famiglia.

Condividi
  • 40
  •  
  •  
  •